MIMI’ E LEUCASIA – Estratto Sospiri, un amore di contrabbando

MIMI’ E LEUCASIA – Estratto Sospiri, un amore di contrabbando

NARRATORE – Allora Mimì fuci-fuci disse a Nello, l’amico suo fraterno, che aveva fatto bene a lasciarlo in acqua nella bocca del mare bestia-neru, e che invece aveva fatto malissimo a chiedere la grazia e farlo ritornare.

Disse che dopo aver lottato con le onde di quel mare brutto bestia, finite le forze, si era addormentato.

E mentre cercava di capire ci era finitu all’infernu o allu purgatorio…perché un contrabbandiere al paradiso non ci va, si trovò davanti lo sguardo di una donna, così bella che credette che quello doveva essere per forza lu Paradiso, pieno di alghe e sabbia, ma lu Paraisu.

Disse che si erano guardati.

Ma non disse, che quella donna lo aveva guardato come nessuno mai lo aveva guardato prima e che nell’attimo di un sospiro si erano trovati.

Raccontò a Nello che si erano detti in tre giorni tutta la loro vita. Ma non disse come si erano parlati sott’acqua.

Che l’acqua è densa, allora io mi penso che forse sotta mari le parole le devi dire velocissime che poi ci pensa l’acqua da allargarle, ad aggiustarle. AMORE-BACIO-CAREZZA

Ca forse dette sott’acqua le parole significano il contrario di quello che vogliono dire.

Che per dire AMORE devi dire ODIO

Che forse per dire CAREZZA devi dire SCHIAFFO

O magari se c’è corrente vanno proprio dette al contrario: EROMA, OICAB,AZZERAC.

Mimì raccontò a Nello che questa donna aveva i capelli lunghi, lisci e neri-neri. Un sorriso, un seno, na pelle chiara chiara che pareva di porcellana.

Ma non disse che la cosa più unica che aveva era una coda argentata che finiva con una pinna argentata pure quella, che quando sta’argentu incontrava i raggi del sole faceva una luce che gli abissi dovevano smettere di essere abissi.

Dissi ca quando andavano in giro tutte le creature pure le anime che stanno in mare si giravano a guardare sta sirena. Che di questo era orgoglioso.

Ma non disse che la gelosia se lo stava divorando. Che non la poteva pensare con un altro.

Disse che si erano baciati,
che quei baci erano l’aria per lui, che per respirare sotta mari servono i baci ca sennò sarebbe morto per davvero. Altro che Santi e Miracoli

Poi Mimì fuci-fuci si fermò… feci nu sospiro e dentro quel sospiro ci stava la parola “Leucasia” e tutto il suo significato: bianca come la schiuma del mare.

Si fermò. Che certe cose sono irraccontabili. Pure a sé stessi.


<< Torna alla pagina arti e mestieri